Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/222

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
168 ATTO PRIMO


Momolo. Mi no digo de volerghe mal; ma ti lo sa pur, che mi voggio la mia libertà. Co sta sorte de putte no bisogna trescar; perchè, se se scalda i feri, bisogna darghe una sposadina, e mi no me vôi maridar.

Nane. Bravo, sior Momolo; viver de incerti fin che se pol1.

Momolo. Ah caro, ti me piasi, perchè ti xe cortesan.

Nane. Sioria vostra. (parte)

SCENA VII.

Momolo, poi Brighella.

Momolo. Cossa hoggio da far sto resto de mattina, fina che vien ora d’andar a Rialto2? Andar da siora Eleonora? Mi no, perchè son seguro che tra ela e el Dottor so pare i me dà una seccadina de un’ora almanco. I me vorave far zoso, ma per adesso no i me la ficca. Me mariderò co sarò un pochetto in ti ani; voggio goder el mondo, fina che posso. Vôi veder qua da missier Brighella, se ghe xe gnente da niovo. M’è sta dito, che ghe xe qualcossa de forestier. Siora Eleonora sarà ancora in letto; adesso no la me vede. O de casa! (batte alla locanda)

Brighella. Sior Momolo, mio padron, hala gnente da comandarme?

Momolo. Com’eia, compare Brighella? xe un pezzo, che no se vedemo.

Brighella. Una volta la vegniva a favorirme più spesso.

Momolo. Diseme, amigo. Gh’avemio gnente da niovo?

Brighella. Giusto sta mattina m’è capita una forestiera, ma su la giusta.

Momolo. Me l’ha dito Giazzao, che l’ho incontrà colla gondola in volta3 de canal.

Brighella. Ma! marido e moglie.

Momolo. Oh, s’intende. Tutti quei che viaza, xe mario e muggier. Bon babbio4?

  1. Queste ultime parole di Nane mancano nell’ed. Zatta.
  2. Luogo, ove si radunano i mercanti. [nota originale]
  3. Sito del Canal Grande. [nota originale]
  4. Gergo che significa volto. [nota originale]