Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/221

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'UOMO DI MONDO 167

SCENA VI.

Momolo in puppa1 di un battelletto con Nane gondoliere. Arrivano cantando il Tasso alla Veneziana, e arrivati che sono, legano il battello e scendono a terra.

Momolo. Cossa distu, Nane? S’avemio devertio pulito? Una bona marenda2, quattro furlane3 de gusto, e sia putte4 al nostro comando5.

Nane. Ma! chi gh’ha dei bezzi, xe paron del mondo.

Momolo. No stimo miga aver dei bezzi, stimo saverli spender. Chi li gh’ha e li tien sconti, fa la fonzion dell’aseno, che porta el vin e beve dell’acqua; e chi li gh’ha e li butta via malamente, se brusa senza scaldarse. El vero cortesan un ducato el se lo fa valer un zecchin. Noi se fa vardar drio, ma nol se fa minchionar; l’è generoso a tempo, economo in casa, amigo coi amici, e dretto coi dretti. El mondo, compare Nane, xe pien de furbi; el far star xe alla moda, ma con mi no i fa gnente, perchè ghe ne so una carta per ogni zogo.

Nane. Sior Momolo, a revederse stassera.

Momolo. Sì, sì, colla bruna6 voggio che andemo a dar l’assalto a quella fortezza, che avemo scoverto stamattina7. Oe, cossa distu de quei baloardi? Senti. Ho speranza che capitoleremo la resa, perchè me par che la sia scarsa de provision da bocca. Lassa pur che la se defenda fin che la poi; gh’ho una boma d’oro in scarsela, che m’impegno de farme averzer le porte, o per amor, o per forza.

Nane. Digo, sior Momolo, sta patrona, che sta qua a stagando8 l’aveu impiantada?

Momolo. Chi? Siora Eleonora?

Nane. So pur che una volta ghe volevi ben.

  1. Zatta: poppa.
  2. Zatta: merenda.
  3. Ballo solito della gente bassa. [nota originale]
  4. Ragazze. [nota originale]
  5. Nelle edd. Savioli e Zatta: quattro furlane de gusto, e via allegramente.
  6. Gergo che significa notte. [nota originale]
  7. Le parole di Momolo, che seguono, furono soppresse nelle edd. Savioli e Zatta.
  8. Termine de’ gondolieri, che vuol dire alla dritta. [nota originale]