Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/220

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
166 ATTO PRIMO


Ludro. Caspita! Se vadagnessi cussì, ve faressi ricco.

Truffaldino. Mi laoro poco, e quel poco che laoro, vôi che i me paga ben.

Ludro. No troverè nissun, che ve daga da laorar.

Truffaldino. No m’importa; se no laoro, gh’ho una sorella che no me lassa mancar el mio bisogno.

Ludro. Che mistier fala?

Truffaldino. La lavandera. Ma no la lava gnanca tre camise alla settimana.

Ludro. Bisogna che i ghe le paga molto pulito le lavadure delle camise.

Truffaldino. La gh’ha dei boni avventori; ghe n’è de quelli, che ghe dà dei ducati alla volta, e che i ghe dona anca le camise.

Ludro. Bon! gh’avè una brava sorella.

Truffaldino. E cussì, me pagheu, sior Ludro?

Ludro. Via, tolè un da quindese.

Truffaldino. Diseme, caro vu, quel sior cossa v’halo dà da pagarme?

Ludro. Gnente. Per adesso ve pago del mio.

Truffaldino. Ho sentì, che l’ha dit a so mujer, che el v’ha dà mezo filippo.

Ludro. El me l’ha dà el mezo filippo per comprarghe del caffè e del zucchero.

Truffaldino. Missier Ludro, se cognossemo. Se vorè tutto per vu, anca mi saverò parlar.

Ludro. Animo; tiolè sti vinti soldi, e andè a bon viazo.

Truffaldino. No me voli dar altro?

Ludro. Toleli o lasseli, no ghe xe altro.

Truffaldino. Dè qua, sior ladro.

Ludro. Cossa?

Truffaldino. Compatime; ho volesto dir sior Ludro. (parte)

Ludro. Che furbazzi che xe costori! no i se contenta mai! I vorave vadagnar quanto mi; bisogna aver l’abilità, che gh’ho mi. (entra nella locanda)