Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/231

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'UOMO DI MONDO 177


Ottavio. Chi saranno quelli che avranno tanto potere? Il vostro Momolo forse? Non lo stimo1 né lui, nè voi, nè dieci della vostra sorte.

Lucindo. Questo è un parlare da quell’insolente che siete.

Ottavio. A me, temerario? (cacciando la spada)

Lucindo. Così si tratta? (si pone in difesa colla spada. Si tirano dei colpi)

Momolo. (Esce dalla locanda) Alto, alto, fermeve; tolè su el fodro, che i cani no ghe pissa drento.

Ottavio. Per causa vostra, signore. (a Momolo con isdegno)

Lucindo. Egli ha perduto il rispetto a voi2 ed a tutta la nostra casa. (a Momolo)

Momolo. Animo, digo, in semola3 quelle cantinele.

Ottavio. Non crediate già di mettermi in soggezione.

Momolo. Voleu fenirla, o voleu che ve daga una sleppa4? (ad Ottavio)

Ottavio. A me? Se no fosse viltà ferire un uomo disarmato, v’insegnerei a parlare. Provvedetevi di una spada, (a Momolo)

Momolo. Eh, sangue de Diana. Lasse veder, (leva la spada a Lucindo)) A vu, sior bravazzo. (si tirano con Ottavio, e Momolo lo disarma)

Ottavio. Ah, maledetta fortuna!

Momolo. Tolè, sior, la vostra spada; andè da vostra sorella, e diseghe da parte mia, che se sto sior averà più ardir de vegnirla a insolentar, ghe lo inchioderò su la porta, (a Lucindo) E vu tolè el vostro speo5; e andè imparar avanti de metterve coi cortesani della mia sorte. (ad Ottavio, dandogli la sua spada)

Ottavio. (Se non mi vendico, non son chi sono), (da sé, e parte)

Lucindo. Se non venivate voi, forse forse l’avrei ucciso.

Momolo. Eh, compare, se no vegniva mi, el ve inspeava come un quaggiotto.

Lucindo. Voi mi credete di poco spirito, e non lo sono.

Momolo. Lassemo andar ste malinconie. Diseme: cossa fa siora Leonora? Stala ben?

  1. Zatta: non istimo.
  2. Zatta aggiunge: a me.
  3. Che ponga la spada nella crusca, per ischerno. [nota originale]
  4. Schiaffo. [nota originale]
  5. Spiedo, per ischerno. [nota originale]