Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/232

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
178 ATTO PRIMO


Lucindo. Starebbe bene, se non sospirasse per voi.

Momolo. Me despiase che me disè sta cossa. Ma, caro amigo, savè che omo che son; me piase goder el mondo.

Lucindo. Basta, io non voglio entrarvi più di così; ci pensi lei.

Momolo. Giusto cussì, lassemo correr. Vegnimo a un altro proposito. Me xe sta dito, che andè in casa de una certa Smeraldina lavandera? xela la veritae?

Lucindo. Io? non la conosco nemmeno. (Come diavolo lo ha saputo?) (da sé)

Momolo. Co no xe vero, gh’ho gusto. E se mai fosse vero, sappiè che in quella casa ghe pratico mi, e dove che vago mi, no voggio che ghe vaga nissun. Ve serva de avviso, e no digo altro. Saludè siora Leonora. (parie)

Lucindo. Ci vado, e ci vorrei andare da Smeraldina. Momolo mi dà un poco di soggezione. Ma cosa sarà finalmente? Proverò di andarvi nelle ore ch’ei non ci va; quella giovine mi vuol bene; non spendo1 niente, e non la voglio perdere, se posso far a meno. (entra in casa)

SCENA XIII.

Camera male addobbata in casa di Truffaldino.

Smeraldina con una cesta di panni sporchi, e truffaldino.

Truffaldino. Dov’et stada fin adesso?

Smeraldina. No vedè, dove che son stada? a tor sti drappi da lavar, da sfadigarme, per mantegnirme mi, e per mantegnirve vu. Vardè là un omo grando, e grosso come un aseno; nol xe gnanca bon da vadagnarse el pan.

Truffaldino. Cossa se vadagna a far el facchin?

Smeraldina. Ghe xe dei facchini, che colle so fadighe i mantien la so casa.

Truffaldino. Bisogna mo veder, siora dottora, se mi gh’ho voja de sfadigarme, come che fa costori.

  1. Zatta: non ci penso.