Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'UOMO DI MONDO 179


Smeraldina. Perchè sè un porco.

Truffaldino. Lassemo i complimenti da banda. Gh’è gnente da magnar in casa?

Smeraldina. Gnente affatto.

Truffaldino. Brava! polito! che donna de garbo!

Smeraldina. E ti cossa m’astu portà? me xe sta pur dito, che sta mattina i t’ha visto a portar un baul.

Truffaldino. Ti gh’ha le to spie, brava. T’hali mo dito, che i m’abbia paga?

Smeraldina. Siguro che i t’ha pagà.

Truffaldino. T’hali mo dito, che ho zogà, e che ho perso?

Smeraldina. I m’ha anca dito, che ti xe un poco de bon; e mi te digo, che me vôi levar sto crucio da torno, che me vôi maridar, e de ti no ghe vôi pensar nè bezzo, nè bagatin.

Truffaldino. Sorella, no me abbandonar.

Smeraldina. Strussio co fa una cagna, e no me avanzo mai da comprarme nè una traversa1, nè un fazzoletto da collo.

Truffaldino. Sorella, no me abbandonar.

Smeraldina. Come voleu che fazza a tirar avanti cussì?

Truffaldino. No me abbandonar, cara sorella.

Smeraldina. A far la lavandera al dì d’ancuo se vadagna poco; va mezi bezzi in legne e in saon, e fina l’acqua bisogna comprar.

Truffaldino. Ma mi bisogna che parla schietto, da galantomo, e da bon fradelo; ti è una matta a sfadigarte per cussì poco.

Smeraldina. Cossa magneressimo, se no fusse mi?

Truffaldino. Cara sorella, gh’è pur quel caro sior Momolo, che l’è el più bon galantomo del mondo, che el gh’ha dei bezzi, che el te vuol ben. Lassa che el vegna qualche volta a trovarte; ogni volta che el vien, el te dona qualcossa a ti, el me dona qualcossa anca a mi. No star a lavar; no fruar cussì la to zoventù. Fa a mio modo, che gh’ho più giudizio de ti.

Smeraldina. Mi anca qualche volta lasseria che el vegnisse, perchè el xe un putto proprio e civil, e el m’ha dito che el me vol

  1. Grembiale. [nota originale]