Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/234

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
180 ATTO PRIMO


far del ben; ma per dirle la verità, el xe un certo omo sutilo, che el me fa paura. Vien qualche volta da mi sior Lucindo, e el m’ha dito che nol vol1, che el ghe vegna.

Truffaldino. Vedistu? Sior Momolo gh’ha rason, Lucindo l’è un fiol de fameja; spiantà, senza un soldo, che no te poi dar gnente. Gnanca mi in casa mia no gh’ho gusto, che ghe sia galline, che no fazza el vovo.

Smeraldina. In quanto a ti, no ti pensi altro che a magnar e bever, e andar a spasso.

Truffaldino. L’è mo, che de quanti mistieri ho provà, no trovo el mejo de questo.

Smeraldina. E ti voressi trovar in casa la tola parecchiada.

Truffaldino. E sentarme a tola in conversazion.

Smeraldina. E che i galantomeni porta.

Truffaldino. E chi no porta, se ghe sera la porta.

Smeraldina. E mi me vôi maridar.

Truffaldino. Sorella, no me abbandonar.

Smeraldina. E se sior Lucindo me vol, lo togo.

Truffaldino. E se sior Lucindo no me donerà gnente, qua nol ghe vegnirà.

Smeraldina. Chi comanda in sta casa, mi o ti?

Truffaldino. Qualche volta ti, qualche volta mi.

Smeraldina. Quando xela sta qualche volta?

Truffaldino. Co i porta, ti comandi ti. Co no i porta, comando mi.

Smeraldina. Tocco de matto. Senti che i batte; varda chi è.

Truffaldino. E pò ti dirà, che no fazzo mai gnente. (va a cedere)

Smeraldina. Magari che sior Lucindo me tolesse, ma so sior pare no vorà. Certo che sior Momolo me fa del ben, e no lo vorave perder, ma no so quala far.

Truffaldino.(L’è qua quel spianta de Lucindo, ma no ghel voio dir). (da sè)

Smeraldina. Chi ha battù?

Truffaldino. Un poveretto, che domandava la carità.

Smeraldina. Senti che i torna a batter.

  1. Ed. Paperini: vuol.