Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/238

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
184 ATTO PRIMO


Truffaldino. I batte, veggio andar a veder chi è. (va a vedere)

Smeraldina. Se el crede de comandar, el la fala. Co se voi comandar in casa, la se mantien. Sto tocco de baron bisogna che lo mantegna mi, e pò el vol far el dottor? Sior Lucindo me piase, so che el gh’ha bona intenzion, e el ghe vegnirà a so marzo despetto.

Truffaldino. (Parlando con Momolo, che lo seguita) La resta servida, sior Momolo; l’è patron de vegnir a tutte le ore. Mia sorella sarà tutta contenta. Velo qua el sior Momolo, feghe ciera, che l’è un galantomo, che merita.

Smeraldina. (Con questo el se contenta, perchè el gh’ha dei bezzi). (da sè)

Momolo. Smeraldina, no me saludè gnanca?

Smeraldina. Sior sì, l’ho reverida.

Truffaldino. Presto una carega a sior Momolo. (porta una sedia.) Senteve anca vu arente de elo. (porta un’altra sedia)

Momolo. Fin adesso me fa più cortesie el fradelo de la sorela. Via, siora Smeraldina, senteve qua.

Smeraldina. (Bisogna che fìnza per el mio interesse), (siede) Son qua, sior Momolo, son a servirla. Ve contenteu, fradelo, che staga vesina? (a Truffaldino)

Truffaldino. Co i galantomeni de sta sorte me contento. La diga, sior Momolo, gh’averavela mezzo ducato da imprestarme?

Momolo. E mezzo, e uno, e tutto quel che volè.

Truffaldino. Ho ditto mezzo, ma se l’è intiero, la me fa più servizio.

Smeraldina. (In sta maniera el deventa bon). (da sè)

Momolo. Tolè, questo el xe un ducato.

Truffaldino. Grazie, farò la restituzion.

Momolo. Gnente. Tegnivelo, che vel dono.

Truffaldino. Questi i è omeni da farghene conto. Me dala licenzia, che vaga a far un servizio?

Momolo. Ande pur dove volè.

Truffaldino. Se no tornasse presto, n’importa.

Momolo. Stè anca fina doman, se volè.

Truffaldino. Sorela, ve lasso in compagnia de sto sior. So che