Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/239

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'UOMO DI MONDO 185


se in bone man. Sior Momolo, ghe son servitor, ghe raccomando mia sorela, che la ghe fazza compagnia, fin che torno. Con altri no la lasseria; ma co sior Momolo, se gh’avesse diese sorele, ghe le consegneria. (parie)

SCENA XVI.

Smeraldina e Momolo.

Smeraldina. (I ducati gh’ha sta bella virtù). (da sè)

Momolo. Diseme, siora. Quanto xe che no vede sior Lucindo?

Smeraldina. Mi sior Lucindo? No so gnanca che el sia a sto mondo.

Momolo. Me posso1 fidar?

Smeraldina. Oh, la pol star co i so occhi serai.

Momolo. Me xe sta dito, che el ghe vien da vu.

Smeraldina. Male lengue, sior Momolo; no xe vero gnente.

Momolo. Se ve disesse mo, che me l’ha dito vostro fradelo?

Smeraldina. (Oh che baron!) Come lo porlo dir? Se el dise sta cossa el xe un busiaro2; che el vegna sto galiotto, che el me sentirà; proprio da la rabia me vien da pianzer3.

Momolo. Via, no sarà vero. No stè a fiffar4; savè che ve voggio ben, e quel che ve digo, ve lo digo per ben. Mi da vu no voi gnente altro che bona amicizia e schiettezza de cuor.

Smeraldina. In materia de sincerità, ghe ne troverè poche putte sincere co fa mi.

Momolo. Se ve vien occasion de maridarve, mi ve mariderò; ma con uno che gh’abbia da mantegnirve; no con zente che ve fazza morir dalla fame.

Smeraldina. Certo che se posso cavarme da ste miserie, lo farò volentiera. E in specie per causa de mio fradelo, che nol voi far gnente; e el vol che lo mantegna mi.

  1. Zatta: possio.
  2. Bugiardo. [nota originale]
  3. Piangere. [nota originale]
  4. Singhiozzare. [nota originale]