Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/240

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
186 ATTO PRIMO


Momolo. A far la lavandera cossa podeu vadagnar?

Smeraldina. Gnanca la polenta da cavarse la fame. Se no fusse sior Momolo, per so bontà, che no me agiutasse, poveretta mi.

Momolo. Mi, cara fia, fazzo quel che posso; ma ghe voi altro a cavarve dai fanghi1. Bisognerave che pensessi a far qualcossa, che ve dasse dell’utile.

Smeraldina. Cossa mai poderavio far?

Momolo. Sè zovene; gh’ave del spirito; gh’ave una vita ben fatta, doveressi imparar a ballar.

Smeraldina. E pò?

Momolo. E pò far el mestier de la ballarina. Al dì d’ancuo2 le ballarine le fa tesori; questo el xe el secolo delle ballarine. Una volta se andava all’opera per sentir a cantar, adesso se ghe va per veder a ballar; e le ballarine, che cognosse el tempo, le se fa pagar ben.

Smeraldina. Co avesse da andar sul teatro, mi farave più volentiera la cantatrice.

Momolo. No, fia mia, no ve conseggio per gnente. No se putella3, e a far la cantatrice ghe vol dei anni. Solfeggiar, sbraggiar4, spender dei bezzi assae in ti maestri, e dele volte se trova de queli, che i sassina le povere scolare, e per chiapar la mesata i dise, che le se farà brave, si ben che no le gh’ha gnente de abilità. Figure ve, o no gh’avè petto, o che la ose no se pol unir, o che ve manca el trilo, e no acquistando concetto bisogna, in vece de cantar dele arie in teatro, cantar in casa dei dueti amorosi. Per una ballarina basta che la gh’abbia bon sesto, bona disposizion, e sora tutto un bon muso; con tre o quattro mesi de lizion, la se butta fora, se no altro, per figurar. Mi ve starò al fianco, ve provederò de maestro, ve cercherò un impressario che ve toga, e ghe donerò tre o quattro zecchini secretamente. Co ballerè, anderò da basso a sbatter le man, e farò sbatter da tutti i mi amici, e da una dozena de barcarioli. Regalerò el maestro dei balli,

  1. Levarsi dalle miserie. [nota originale]
  2. Al di d’oggi. [nota originale]
  3. Ragazzetta. [nota originale]
  4. Sfiatarsi gridando. [nota originale]