Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/241

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'UOMO DI MONDO 187


acciò che el ve fazza far una bona fegura; farò che el vostro compagno se contenta de far quel padedù, che avere impara a memoria, senza bisogno de ascoltar i violini. Ve farò far i sonetti; ve compagnerò al teatro co la gondola, ve farò un palco; insoma no passa un anno, che se sente a dir: prima figura madama Smeraldina in compagnia de monsù Giandussa.

Smeraldina. In verità, sior Momolo, che me ne fè vegnir la voggia.

Momolo. Cossa dirali la zente, co i vedarà la lavandera co la scuffia e co i nei?

Smeraldina. Me burlerali?

Momolo. Per cossa v’hai da burlar? Sarala una novità? Fare anca vu, come che ha fatto le altre.

Smeraldina. Sior Momolo sarà el mio protettor.

Momolo. Manco mal, la sarave bella che se mi ve metto alla luse del mondo, m’avessi pò da impiantar; siben che no saressi la prima. Ghe n’ho cognossù de quelle poche, che co le s’ha visto in tum poco de bona figura, le ha volta la schena a chi gh’ha fatto del ben.

Smeraldina. Oh, mi no gh’è pericolo certo. Se farò sto mestier, me arecorderò sempre del mio primo paron. Ghe prometto de no parlar co nissun.

Momolo. No digo che no abbiè da parlar. Chi va sul teatro ha da usar civiltà con tutti; e el xe un gran alocco quello che intende de voler far la guardia a le ballarine o a le cantatrici. In scena tratte con tutti; parlè con chi ve vien a parlar; solamente ve dago un avertimento: co avere fenio el primo ballo e che anderè a muarve per el secondo, no fè che vegna nissun in tel camerin: perchè se savessi quanti che ho sentio co ste recchie a dir in Piazza all’amigo: oe! no ti sa? quella che balla cussì e cussì, alla lontana la par qualcossa, ma da rente, puina pegorina1 che stomega.

Smeraldina. Se fusse in sto caso, che no so se ghe ariverò, me conseggierò sempre con vu, sior Momolo.

  1. Ricotta di pecora. [nota originale]