Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/251

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'UOMO DI MONDO 197


Ludro. Cossa?

Momolo. Son senza bezzi.

Ludro. Mal. Come me dareu i mi trenta zecchini?

Momolo. Questi xe el manco. Me despiase che gh’ho do impegni, da do bande: con quei foresti; e con una zovene, che la voggio far ballarina.

Ludro. E senza bezzi l’orbo no canta.

Momolo. Te basta l’anemo de trovarme mille ducati?

Ludro. Perchè no? Su cossa voleu che li trova 7

Momolo. Son un galantomo. Gh’ho dei capitali; no so bon per mile ducati?

Ludro. Li voressi sul fià.1

Momolo. A uso de piazza, per un anno; farò una cambial, se occorre.

Ludro. Me inzegnerò de trovarli.

Momolo. Ve darò el vostro sbruffo2.

Ludro. Me maraveggio; co i amici lo fazzo senza interesse. Me basta che me de i trenta zecchini della piezaria.

Momolo. Siben, e li darò.

Ludro. Vado subito a trovar un amigo.

Momolo. Ma che no ghe sia brova3.

Ludro. Lasse far a mi. (Sta volta ghe dago una magnada co i fiocchi). (da sé)

SCENA VII.

Momolo, poi Brighella.


Momolo. Fin che son zovene, me la voggio goder. Da qua un per de anni, fursi fursi me mariderò. E co me mando, butto da banda la cortesanaria, e scomenzo a laorar sul sodo.

Brighella. Sior Momolo, cossa voi dir che no l’avemo più visto? Quella signora m’ha domanda de elo tre o quattro volte.

  1. Sul fiato, senza pegno. [nota originale]
  2. Mancia. [nota originale]
  3. Inganno, ovvero usura. [nota originale]