Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/254

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
200 ATTO SECONDO


Truffaldino. La diga, lustrissimo sior protettor, poderoggio metterme la perrucca co i groppi?

Momolo. No voleu? El fradelo d’una ballarina!

Truffaldino. Me darali del sior?

Momolo. E come! podere andar anca vu in te le botteghe da caffè a parlar de le novità, a dir mal del prossimo, a taggiar dei teatri, a zogar alle carte, a far el generoso alle spalle de vostra sorella, a far la vita de Michielazzo: come fa i pari e i fradeli delle ballarine, delle virtuose e de tutte quelle povere grame, che se sfadiga in teatro per mantegnir i vizi de tanti e tanti, che no gh’ha voggia de sfadigar.

Truffaldino. Bisognerà mo che andemo a star in qualch’altro paese.

Momolo. Per cossa?

Truffaldino. No voria, con tutta la spada al fianco e con tutta la perrucca a groppi, che i me disesse che ho fatto el facchin.

Momolo. Cossa importa? lasse che i diga. De un’occhiada intorno a tanti altri pari o fradeli de virtuose. Vedere tanti e tanti dorai e inarzentai, e cossa giereli? Servitori, staffieri, garzoni de bottega o1 cosse simili. Se dise: no me dir quel che giera, dime quel che son. No passa un mese, che ve desmenteghè anca vu d’aver fatto el facchin, e ve parerà de esser qualcossa de bon.

Truffaldino. Bisognerà che gh’abbia anca mi la mia intrada.

Momolo. Certo: fondada su le possession de vostra sorella.

Truffaldino. No poderave anca mi far qualcossa in teatro?

Momolo. Vu no avè da far gnente. I fradeli delle ballarine no i fa gnente. Vu v’avè da levar tardi la mattina, bever la vostra chioccolata, vestirve e andar a spassizar in Piazza, o a sentarve in t’una bottega. Andare a casa a tola parecchiada, e se ghe xe protettori, magnar e bever senza veder, e senza sentir. Tutto el vostro dafar ha da consister in questo: la sera in teatro, in udienza, a sbatter le man co balla vostra sorella. Forti, allegramente, e viva monsù Truffaldin. (parte)

  1. Ed. Paperini: e.