Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/253

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'UOMO DI MONDO 199


Brighella. Sè patron de tutto, e se ve occorre de più, comande; spenderò mi.

Momolo. No, amigo; ve ringrazio. No fazzo debiti. In te le occasion me regolo co la scarsela.

Brighella. Bravo. Cussi fa i galantomeni. E nu altri avemo più gusto de guadagnar poco, e esser pagadi subito, in vece de guadagnar assae, e suspirar i bezzi dei mesi. Vago a avisar i foresti, vago a spender, e a mezo di sarà pronto. (parte)

SCENA VIII.

Momolo, poi Truffaldino.

Momolo. Pur troppo ghe xe tanti de quelli che ordena e no paga mai. In sta maniera i se fa nasar1, e i paga la roba el doppio. Mi xe vero che in fin de l’anno spendo assae, ma m’impegno che tanto me val cento ducati a mi, quanto a un altro cento zecchini.

Truffaldino. Lustrissimo.

Momolo. Schiavo, compare Truffa2.

Truffaldino. Mia sorella l’aspetta.

Momolo. Vago adess’adesso3 a trovarla.

Truffaldino. Ela la verità, che voli che la fazza la ballarina?

Momolo. Certo; la voggio metter all’onor del mondo.

Truffaldino. Anderala colla scuffia?

Momolo. Sior sì, scuffia, cerchi, andrien sciolto, mantelina e cornetta4.

Truffaldino. Co l’è cussì, bisognerà, lustrissimo sior protettor, che la pensa al fradelo della ballarina.

Momolo. Certo che no ave d’andar vestio cussì malamente.

Truffaldino. Poderoggio portar la spada?

Momolo. Siguro.

  1. Svergognare. [nota originale]
  2. Nome accorciato di Truffaldino. [nota originale]
  3. Or ora. [nota originale]
  4. Colle code. [nota originale]