Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/272

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
218 ATTO TERZO


Momolo. Patti chiari. Con tutto sto impegno mi no vol suggizion. No gh’ha da esser pettegolezzi de zelosia.

Eleonora. Mi riporterò sempre alla vostra discrezione.

Momolo. (Questo el xe un amor particolar). (da sè)

Eleonora. (Spero colla cortesia di obbligarlo). (da sè)

Momolo. Siora Leonora, a bon reverirla, vago dalla mia ballarina.

Eleonora. Pazienza. Ricordatevi qualche volta di me.

Momolo. (Se stago troppo, me cusino de fatto)- (da sè) Brava, cussì me piase. Pol esser che in sta maniera la indovine. A revederse.

Eleonora. Addio, caro.

Momolo. Bondì... (tenero) (Oe, Momolo, forti in gambe). (da sè, e parte)

Eleonora. È una gran pazienza la mia, dover soffrire la gelosia, senza dimostrarla. Basta, confido nel tempo. Momolo non ha il cuore di sasso; si piegherà, se non altro, al merito della mia tolleranza. (parte)

SCENA III.

Strada colla casa e colla locanda.

Ludro, poi Momolo.

Ludro. No ghe vol andar in casa de sior Dottor. Xe meggio che l’aspetta qua sior Momolo. Se vago desuso, e che el diavolo fazza che qualchedun senta sto negozio che ghe voggio far far, i me rebalta a drettura. El xe avisà, el doverave venir. Zitto, che el xe elo.

Momolo. Seu qua, sior Ludro?

Ludro. Son qua. Xe da sta mattina in qua, che cammino. Al dì d’ancuo se stenta a trovar bezzi, specialmente senza pegno.

Momolo. Li aveu trovai?

Ludro. A forza de suori ho trovà i mille ducati.

Momolo. Bravo. Dove xeli?

Ludro. A pian, che ghe xe da discorrer.

Momolo. Coss’è? Scomenzemio a contar sul trenta?