Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/274

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
220 ATTO TERZO


Momolo. Semo qua co la solita stoccada. Che marcanzia xela?

Ludro. Bella e bona, che se saverè far, ghe vadagnerè drento.

Momolo. Via, sentimo che sorte de roba, che el me vol dar.

Ludro. Tolè, questa xe la nota dei capi de marcanzia, che el gh’ha da darve; e se questa no ve serve, no ghe xe altro.

Momolo. Sentimo: (legge, di quando in quando scuotendosi) Otto lettiere da letto, quattro de ferro, e quattro de legno intaggià, coi so pomoli dorai, senza una tara immaginabile, a rason de trenta ducati l’una, val ducati dusento e quaranta. Una botta de vin guasto da far acquavita, mastelli dodese, a rason de cinque ducati al mastello, val ducati sessanta, e la botta ducati diese. Caregoni de bulgaro quattro, a diese ducati l’un, ducati quaranta. Scatole da perucche numero cento, a mezzo ducato l’una, vai ducati cinquanta. Do ferriade da balcon ducati cinquanta. Guanti de camozza ducati vinti, e el resto in tanti corni de buffalo a peso, in rason de sie ducati la lira. Ah, tocco de fio, e de fionazzo, questi xe contratti da proponer a un galantomo della mia sorte? Tiolè, sior poco de bon, e diseghe a quel furbazzo, vostro compagno, che ha fatto sta nota, che no son desperà, e che gh’ho ancora diese ducati da farghe scavezzar i brazzi a elo e anca a vu.

Ludro. Mi me sfadigo per farve servizio, e vu cussì me trattè?

Momolo. Andè via de qua, che adessadesso me scaldo, e se la me monta, ve ne arecorderè per un pezzo.

Ludro. Deme i mi trenta zecchini.

Momolo. Ve li darò quando che vorò, sior baro da carte.

Ludro. Son un galantomo; e no se tratta cussì.

Momolo. No zigar, che te dago un pie in tela panza.

Ludro. E se no me darè i mi bezzi... (forte)

Momolo. Via, sior furbazzo. (gli vuol dare)