Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/275

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'UOMO DI MONDO 221


SCENA IV.

Il Dottore di casa e detti.


Dottore. Che cosa c’è? Signor Momolo, con chi l’avete?

Momolo. La gh’ho con quel poco de bon.

Dottore. Che cosa vi ha egli fatto?

Momolo. Gnente, gnente.

Ludro. Adessadesso ve svergogno in fazza de tutto el mondo.

Momolo. Mi no fazzo cosse, che m’abbia da far vergognar. Sior sì, son in caso d’aver bisogno de mille ducati; ghe l’ho dito a costù, el me li ha trovai con un stocco de sta natura, che de mille ducati ghe ne aveva a pena tresento. Un omo d’onor ste cosse noi le pol sopportar.

Dottore. Meriterebbero la galera questi sicari della povera gioventù.

Ludro. Basta, arecordeve i mi trenta zecchini.

Momolo. Son galantomo, doman ve li farò aver forsi a casa; ma andè via subito.

Ludro. Benissimo; tornè da mi, che ve servirò pulito.

Momolo. No ve indubitè, che no ghe torno più, compare.

Ludro. (Za sta roba che Momolo no ha volesto, troverò qualcun) altro che la torà. Dei desperai ghe n’è sempre). (da sé, e parte)

SCENA V.

Momolo ed il Dottore.

Momolo. Cossa diseu, che razza de zente che se trova a sto mondo?

Dottore. Guai a quelli che han bisogno di loro.

Momolo. Veramente xe un poco de vergogna, che mi me trova in sto caso, ma, grazie al Cielo, gh’ho tanto al mondo, che con un anno solo de regola posso remetterme facilmente; e sta insolenza de Ludro prencipia a illuminarme, e farme toccar con man a cossa se se reduse colla mala regola, e col no pensar ai so interessi.