Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/283

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'UOMO DI MONDO 229


Smeraldina. La sarà qualche morosetta. Chi ela sta pettegola, che manda a cercar sior Momolo in casa mia?

Momolo. (Apre la lettera ed osserva la sottoscrizione) (Siora Eleonora? Sentimo cossa che la sa dir), (da sè) Aspettè da basso, che ve darò la risposta. (al servitore)

Servitore. Benissimo. (parte)

Momolo. Con grazia, siora, che leza sta lettera. (a Smeraldina)

Smeraldina. La se comoda, zentilomo. (con ironia)

Momolo. (Si ritira da una parte, e legge):

Carissimo signor Momolo.

Avendo inteso dal mio signor padre, che vi trovate ora in qualche necessità, mi prendo la libertà, di nascosto del medesimo, di mandarvi le mie gioje, acciò ve ne serviate. Pregovi di accettare questo contrassegno dell’amor mio, e almeno aver riguardo di non valervene in pregiudizio della mia passione, e colla maggior sincerità del cuore mi dico

Vostra per sempre Eleonora Lombardi.


(Sta azion de sta putta me fa restar incanta. Privarse de le so zoggie per mi?) (da sè)

Smeraldina. E cussì? Hala letto, patron?

Momolo. (Una putta no pol far de più de cussì). (da sè, aprendo la scatola)

Smeraldina. (Cossa mai ghe xe in quella scatola?) (da sè)

Momolo. (Vardè, poverazza! I so recchini, i so anelli, el zoggielo. Tutto la m'ha mandà). (da sè, osservando le gioje)

Smeraldina. (Zoggie! Che el le abbia tolte per mi? ) (da sè)

Momolo. (No la merita, che ghe fazza torto). (da sè)

Smeraldina. (Chi sa, che quel che l’ha dito nol l’abbia dito per provarme, e che quelle zoggie.... Se savesse come far a far pase). (da sè)

Momolo. Quando una donna se priva de le zoggie, l’è tutto quello che la pol far per amor). (da sè)