Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/284

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
230 ATTO TERZO


Smeraldina. Sior Momolo, che belle zoggie! (dolcemente)

Momolo. Ve piasele? (affettando tenerezza)

Smeraldina. De chi xele?

Momolo. De una putta, che so che la me vol ben.

Smeraldina. Mi certo ve n’ho sempre volesto, e sempre ve ne vorrò.

Momolo. Donna finta, donna ingrata, credeu che no veda e che no cognossa che ste carezze, che adesso me fè, le tende a far l’amor co ste zoggie? Queste no xe per vu. No se degna nè de ele, nè de mi. Per vostra confusion, sappiè che siora Leonora Lombardi, savendo le mie indigenze, m’ha manda ste zoggie, perchè me ne serva. Grazie al Cielo, no ghe n’averò1 bisogno, perchè, mancandome vu, me mancarà una piccola sansughetta; ve ringrazio, che co la vostra ingratitudine m’ave averto i occhi. Fè conto de no averme mai nè visto, nè cognossù, e mi col vostro esempio, col vostro specchio, me varderò in avegnir de trattar con zente de la vostra sorte, finta, ingrata e sollevada dal fango. (parte)

SCENA XI.

Smeraldina, poi Truffaldino.

Smeraldina. Hoggio mo fatto una bella cossa? I ho persi tutti do in t’una volta. Adesso sì che stago fresca. Se Momolo sposa siora Eleonora, no gh’è più pericolo che Lucindo vegna da mi. E el mio anelo, che gh’ho dà da impegnar?

Truffaldino. Dove xe andà el protettor?

Smeraldina. Fradello caro, tolè su la cesta, e andemo dai nostri aventori a tor suso la biancaria da lavar. (parte)

Truffaldino. Come! Madama Smeraldina? Monsù Truffaldin? Ela matta mia sorella? Ho promesso de voler viver senza far gnente; son galantomo, la mia parola la vôi mantegnir. (parte)

  1. Zatta: n’averò più ecc.