Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/289

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'UOMO DI MONDO 235


a dir, a proposito de certe fegure, che la farina del diavolo la va tutta in semola. (parte)

Momolo. La gh’ha pensà un pochetto tardi, ma la xe a tempo.

Truffaldino. Siori, vorave dir una parola anca mi.

Dottore. Via, che cosa volete dire?

Truffaldino. Se mai i gh’avesse bisogno de facchin, che i se arecorda de monsù Truffaldin. (parte)

Momolo. Bravo, el l'ha dita in rima.

Eleonora. Ma qui si sta in piedi senza far niente.

Momolo. Ho capio. So cossa che vorressi far. Deme la man.

Dottore. Si, figlia, dagli la mano.

Eleonora. Con tutto il cuore. (dà la mano a Momolo)

Ottavio. Servitor umilissimo di lor signori. (parte)

Momolo. Bon viazo. Quello l’intende ben. Per elo no gh’è più speranza, e el se la batte pulito. Siora Beatrice, la perdona se no continuo nell’impegno de servirla, perchè la vede adesso chi me tocca servir. Sior Dottor, sior missier carissimo, ve ringrazio de tutto, e spero che per mi no ve averè da pentir. Cugnà, se la mia maniera de viver fin adesso v’ha servio de cattivo esempio, procurerò in avegnir de darve motivo de imparar a viver da mi. Son sta cortesan, ma cortesan onorato, e anca in mezzo alle debolezze de la zoventù, co ghe xe un fondo de onestà, se sta saldi in cassa, e facilmente se cognosse el debole, se mua costume, e se xe capaci de una vertuosa ressoluzion.

Fine della Commedia.