Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/288

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
234 ATTO TERZO


Momolo. Sior Dottor, perdoneghe su la mia parola.

Dottore. Caro figlio, ti rimetto nell’amor mio. Fammi avere consolazione di te prima ch’io mora.

Lucindo. Con queste lacrime...

Momolo. Non occorr’altro. Tutto xe giusta. Se sior Dottor se contenta, siora Leonora, deme la man.

Dottore. Sì, figlia, son contentissimo...

SCENA XV.

Smeraldina, Truffaldino e detti.

Momolo. Cossa feu qua, siori? Che ardir xe el vostro?

Smeraldina. Mi no son qua nè per vu, nè per sior Lucindo, che no gh’ho più in te la mente ne l’uno, ne l’altro. Vedo che tutte le mie grandezze xe andae in fumo, e che per viver bisognerà che torna a lavar. Son vegnua solamente per dir a sior Lucindo in presenza vostra, e in presenza de so sior pare, che se nol vol vegnir più da mi, no me n’importa, ma che almanco el me daga el mio anello.

Momolo. Quello che v’ho dà mi fursi?

Smeraldina. Sior sì, quello.

Momolo. Cossa ghe n’aveu fatto? (a Lucindo)

Lucindo. Arrossisco in dirlo. L’ho impegnato per due zecchini.

Dottore. Vedi a cosa riducono le male pratiche?

Smeraldina. Sior, son sempre stada una putta onesta, e sior Momolo lo poi dir.

Momolo. Me despiase, che se mi lo dirò, pochi lo crederà, ma ve protesto che la xe de le più onorate. Se gh’avesse i do zecchini, ve li darave, ma doman ve li farò aver.

Dottore. Non vi è bisogno di questo. Eccovi due zecchini, e andate, che il cielo vi benedica. (dà due zecchini a Smeraldina)

Smeraldina. Pazenzia. Merito pezo. Me giera messa in gringola de portar la scuffia, ma vedo che bisogna che me sfadiga al mastello, se vol magnar. Ma sarà meggio cussì; almanco quel poco che gh’averò, el sarà ben vadagnà, perchè ho sentio