Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/368

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
314 ATTO TERZO


no segue l’aggiustamento? povereto mi, no gh’ho più gnente, ho vendù tutto. Presto, voggio andar a Venezia a veder i fatti mii, a tender a sto aggiustamento, a sta lite; za tutti me lassa, tutti me dise roba. Chi è de là? gh’è nissun?

Truffaldino. Ghe son mi.

Momolo. Vame a chiamar el fattor.

Truffaldino. El fattor? savi dove che el sia, el fattor?

Momolo. Mi no lo so1.

Truffaldino. Gnanca mi.

Momolo. Valo a cercar, che ti lo troverà.

Truffaldino. Chi lo vol el fattor?

Momolo. Mi.

Truffaldino. Donca cerchelo vu.

Momolo. Tocco de aseno, cussì ti parli?

Truffaldino. Coss’è sto aseno, sior? la me porta respetto. E a un omo che ha sfadigà sin adesso, no se ghe dis aseno, sior.

Momolo. Cossa hastu fatto, che ti ha sfadigà fin adesso?

Truffaldino. Ho porta el gran, sior; e a mi no se me dis aseno, sior?

Momolo. Dove l’hastu porta el gran?

Truffaldino. L’ho tolto dal graner de sta casa, e l’ho porta in tel graner del patron.

Momolo. Del patron? chi elo el patron?

Truffaldino. El fattor.

Momolo. El fattor xe el patron, tocco de bestia?

Truffaldino. Mi no son una bestia, sior.

Momolo. E ti ha portà el gran in tel graner del fattor?

Truffaldino. Lustrissimo, Zelenza, sì, sior.

Momolo. (Com’elo sto negozio? Trappola fa portar el formento dal mio graner in tei soo?) (da sè) Presto, chiameme el fattor, dighe che ghe voggio parlar.

Truffaldino. El fattor no se descomoda per nissun. Quando i contadini ghe vol parlar, i va a casa da lu, e se l'ha da far, i aspetta; e se ghe volì parlar, podì far cussì anca vu, sior. (parte)

  1. Zatta: mi no so gnente.