Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/401

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Brighella. Sarave meggio se to zio te volesse agiutar, che ti mettessi su un negozietto ti da to posta, una botteghetta da marzaretto con un poco de tela, un poco de cordelle e altre cosse da poco prezzo. Se n’ ha visto tanti prencipiar con un capital de diese ducati, e deventar in poco tempo marcanti con dei ziri de miara de scudi.

Truffaldino. Ti disi ben, ma sto mistier so come r è fatto. Bi- sogna principiar a mesurarse le onge, a scambiar el nome a tutta la roba che se vende, a tor in credenza dai marcanti grossi, andar pagando a bonora per acquistar concetto, e pò, co s’ ha fatto el credito, ordenar della roba assae, e co s’ ha avudo la roba, serrar bottega e falir.

Brighella. Bravo! come che ha fatto (•) el to prencipal.

Truffaldino. El mio prencipal I’ ha falio da minchion, senza roba e senza bezzi; quelli che sa far el so mistier, i falisse a tempo, coi bezzi in cassa e colla roba logada.

Brighella. Per quel che sento, ti sa le malizie in tutto e no ti trovi albero da piccarte.

Truffaldino. Lacsa che porta sta lettera a sta siora Clarice, e pò qualcossa risolverò.

Brighella. Vustu che te la diga? Ti disi mal de sto mistier de mezzan, e ho paura che el te piasa assae più dei altri.

Truffaldino. Certo che a considerarlo ben, 1’ è un mistier de poca fadiga.

Brighella. Ho inteso; ti è anca ti uno de quei furbi, che voi ’ fìnzer 1’omo da ben e voi dar da intender de far el mal per necessità. Ti sarà d’accordo col to prencipal. Dise el pro- verbio, chi sta col lovo, impara a urlar. No te credo più per un bezzo. Seguita el to esercizio, e no me star a vegnir a dir che ti patissi i rossori della vergogna. L’omo a sto mondo el fa quel che el voi, e no gh’ è nissun che ne possa obbligar a far mal. El ponto sta che tutti cerca el mistier più facile, e per paura de esser condanna dai altri, el fìnze (2) de farlo mal volentiera. Anca ti ti è de quei Bergamaschi, che sa far el (l)Zatta: Bravo, come ha fallo ecc. (2) Così tutte le edd.