Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/408

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Truffaldino. Cossa credela che possa sperar a conto del mio salario?

Dottore. Questa lettera vi può profittar assaissimo, considerando r ingratitudine delle donne, e fissando la massima di starvi lon- tano e di non fidarsi di loro. Lasciate quella lettera nelle mie mani, che dandola ora al signor Pantalone, gli sarebbe di troppo cordoglio. Io gli sono amico e lo compatisco; e voglio recargli tutto queir aiuto ch’io posso nelle presenti sue circostanze. Penso al rimedio de’ suoi disordini; credo averlo trovato; un poco doloroso per i suoi creditori, ma il più facile ed il più usitato. (parte /)

SCENA VII.

Truffaldino e Leandro.

Truffaldino. Quando in quella lettera no gh’ è più sostanza de cussi, no me curo gnanca de portarghela a sior Pantalon. Me despias per el me salari, ma za che tutto va a precepizio, cercherò anca mi de pagarme sui resti.

Leandro. Truffaldino, son disperato.

Truffaldino. E anca mi son per la medesima strada.

Leandro. Mio padre ha consumato tutto il suo patrimonio e la mia legittima, e la dote ancor di mia madre di cui io solo era 1’unico erede.

Truffaldino. Consoleve, signor, che l’ha consuma anca el me salari.

Leandro. Mia madre, poverina, è morta per le passioni di animo che le ha fatto provare.

Truffaldino. Oh, mi mo per questo no voio che me doggia la testa.

Leandro. E per far sempre peggio si è rimaritato mio padre con una giovane vana, petulante, superba.

Truffaldino. Questa farà le vendette de vostra madre, la lo farà morir de desperazion.

Leandro. Ma almanco, già che si è rimaritato, avesse lasciato da parte tante altre pratiche, tante amicizie che lo rovinano.

Truffaldino. El xe deventà sempre pezo.

Leandro. Che ho da far io, povero giovine?