Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/411

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



in pegno, i mobili xe bollai, la bottega xe voda, onde mi no gh’ho più gnente (I) da far. Fin che i creditori me lassa in pase, tiro de longo sul resto de quelle fregole che ghe xe; se i scomenzia a far brutto muso, con un felippo vago a Ferrara, e chi s’ ha visto, s’ ha visto. Cossa farà la mia cara siora muggier, che a forza d’ambizion, de mode e de conversazion m’ ha dà la spenta per far la tombola? Adesso anca eia la farà una bella fegura. So danno, no ghe ne penso un figo, la merita pezo. Se la gh’avesse giudizio, per liberarse da sti travaggi la doverave crepar. M’ ho muà de camisa una volta, poi esser che me tornasse a muar la segonda. Quel che me despiase, xe quel povero mio fio. Anca la dota de so mare gh’ ho consuma. Ma cossa serve? L’ ha godesto anca elo; el xe zovene, ch’el se inzegna, el troverà qualcun che Y a- giuterà, e se el ghe n’a vera elo, bisognerà che el me ne daga anca a mi. A bon conto tirerò sti trenta zecchini da siora

Clarice. Pussibile che la me li fazza penar? No credo mai. Ho fatto tanto per eia, e adesso la sa el mio stato... Oh per diana, che xe qua mia muggier. Animo a sto siropetto.

SCENA XI.

Aureli A ed il suddetto.

Aurelia. E bene, signor marito, che pensate di fare?

Pantalone. Per mi gh’ ho pensa, patrona.

Aurelia. Si può sapere la vostra risoluzione?

Pantalone. Per le poste a Ferrara. Aurelia. Ed io?

Pantalone. E vu resterò a Venezia.

Aurelia. Indiscreto! Avreste cuore d’abbandonarmi?

Pantalone. Vardè che casi! Gh’aveu paura a dormir sola?

Aurelia. Voglio venir con voi.

Pantalone. Oh, questo pò no. (I) Savioli e Zatta: niente.