Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/447

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



ATTO TERZO..


SCENA PRIMA.

Cìimera nel casino della festa di ballo, con tavolino, sedie e lumi accesi. Pantalone e Truffaldino.

Pantalone. Senti, Truffaldin, sta sera gh’ ho bisogno de agiuto. Ho tolto sto casin a fitto per devertirme, e sta sera se fa una cena e un festinetto; ho gusto d’ averte anca ti, perchè ti xe fida, e son seguro che ti tenderà a quel che bisogna, ma varda ben, no dir gnente ne a mio fio, ne a mia muggier, ne al Dottor, ne a nissun a sto mondo. Se ti parli, poveretto ti.

Truffaldino. No la dubita gnente, in materia de fedeltà no gh’ è nissun che possa dir de mi quel che se poi dir de tanti altri garzoni.

Pantalone. Come sarà ve a dir? Cossa credistu che fazza i altri garzoni?