Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/448

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Truffaldino. I ha ordinariamente tre o quattro vizietti, un più bello dell’altro. I se diletta de zogar (’), e chi paga? la cassetta del patron. I ha la donnetta, e chi la veste? la roba della bottega del patron. I va all’opera, alla commedia, e a spese de chi? del patron. I se va a devertir coi so cari amici, e chi tol de mezzo? el patron. Coi sta a bottega, cossa fali? i mormora del patron, i strapazza el patron, e i conta ai so camarada tutte le fufìgne del patron.

Pantalone. Ti che ti xe un putto de garbo e senza vizi, come fastu a saver tutte ste cosse ì

Truffaldino. Le so perchè le so, e se no le savesse, no le saveria.

Pantalone. Oh, che bella rason da pandolo! (No vorave che) costìi fusse pezo dei altri. Ghe voggio dar una tastadina). (da se)

Truffaldino. (Se el la savesse tutta! (2) Ma fazzo le mie cosse con pulizia, e noi saverà gnente più de cussi). (da sé)

Pantalone. Sta sera, come che te diseva, fazzo un festin; se ti gh’avessi anca ti qualche impegnetto con qualche putta, ti la poderessi menar.

Truffaldino. So che la burla, sior Pantalon.

Pantalone. No, no burlo, ho paura che saremo pochetti. Ave- rave gusto che ghe fusse delle donne, staressimo più allegramente.

Truffaldino. (Se credesse che el disesse da bon!) (da sé) Pantalone, Via, se ti cognossi qualche femena, fala vegnir, e do e tre e quante che ti vuol. Za nissun saverà gnente; tasi ti, che taso anca mi.

Truffaldino. Caro sior padron, co se tratta de farghe servizio, la lassa far a mi. Cognosso quattro o cinque massere, le farò vegnir.

Pantalone. (Oh, che baron!) Dime un poco, te fazzo una con- fidenza. Vorave veder de cavar le spese in qualche maniera. Metteremo dei taolini, taggierò alla bassetta e vorave che in maschera ti me stassi arente a farme da groppier: te ne inten- distu de bassetta?

Truffaldino. Sior sì, la lassa far a mi, e la taggia liberamente. Ai ponti ghe tenderò mi. So cossa che 1’ è el più, el paroli, (!) Savioli e Zatta: ziogar. (2) Zatta: se el savesse lutto!