Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/449

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA BANCAROTTA 395


el sette a levar, la segonda, la fazza, la sonica, el ponto in marea; so tutto, la se fida de mi.

Pantalone. (Oh che galiotto!) (da sè) Caro Truffaldin, te voi confidar un’altra cossa. So che ti me voi ben, ti me assisterà.

Truffaldino. Son qua, per i amici me farave squartar.

Pantalone. Bravo, ti me tratti come amigo, no come paron.

Truffaldino. A bottega e in casa ve considero come patron, qua semo al casin, semo in confidenza, e fideve de un omo della me sorte.

Pantalone. Mi credo de poderme fidar più come amigo, che come paron.

Truffaldino. No gh’è dubbio, no tradirave un amigo per tutto l' oro del mondo.

Pantalone. Più tosto el paron.

Truffaldino. Co l'andasse da l’amigo al patron...

Pantalone. Più tosto tradir el paron che l’amigo.

Truffaldino. Vedi ben, l’amicizia l’è una gran cossa.

Pantalone. (Me lo vago godendo sto caro amigo). (da sè) Penso che a ste donne che vegnirà, bisogneria donarghe qualcossa.

Truffaldino. Seguro che le donne le vol esser regalade, e se no le se regala, no se fa gnente.

Pantalone. Anca ti le to massere ti le regalerà.

Truffaldino. Qualche volta.

Pantalone. E come fastu a trovar i bezzi o la roba da regalarle?

Truffaldino. Lassemo andar sti discorsi, che no serve gnente: cossa pensela, sior Pantalon, de voler donar a ste donne?

Pantalone. (Eh, ti ghe cascherà, furbazzo!) (da sè) Se poderia donarghe qualche taggio de roba, qualche cavezzo de drappo, della cordela, delle galanterie de bottega.

Truffaldino. Sior sì, ste cosse le donne le gradisse infinitamente. Anca mi co ghe porto... E così come vorla far?

Pantalone. Me despiase che in bottega ghe xe sempre mio fio. Gran seccagine, gran ignorante che xe quel mio fio.

Truffaldino. L’è una cossa che no se pol sopportar. Avaro, fastidioso, cattivo.