Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/450

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Pantalone. L’ è un temerario de prima riga.

Truffaldino. Crederne da amigo, sior Pantalon, che 1’ è un aseno.

Pantalone. Olà, come parlistu de mio fio? Varda ben che anca eie el xe to patron. Ti no ti disi mal dei patroni.

Truffaldino. Eh, digo cussi, perchè noi me sente.

Pantalone. Bravo! Come se poderave far a prowederse del no- stro bisogno, senza che elo se n’accorzesse?

Truffaldino. Lasse far a mi. Za el serra la bottega a bonora, avere tutto quel che volè.

Pantalone. Come farastu co la bottega serrada?

Truffaldino. No stè a pensar altro, sarè servido.

Pantalone. Ti xe un omo de spirito, ti xe un bon amigo, di- melo in segretezza; za con mi ti te poi confidar; gh’averavistu, per fortuna, qualche chiave falsa?

Truffaldino. Zitto, che nissun senta. Sior sì, gh’ ho una chiave che averze.

Pantalone. Caro ti, lassa che la veda.

Truffaldino. Ma... no credessi mai che fasse delle baronade; son un garzon onorato. Saviu per cossa che m’ ho fatto far sta chiave?

Pantalone. Per cossa?

Truffaldino. Perchè i patroni delle volte i dorme tardi, i tien le chiave in camera, e cussi posso andar a avrir la bottega la mattina a bonora.

Pantalone. Mo che bravo putto! Mo che putto de garbo! Las- semela veder mo sta chiave.

Truffaldino. Eccola qua. Ma! zitto. (mostra la chiave)

Pantalone. Zitto, (prende la chiave) E senza far altre chiaccole, sior garzon onorato, che no zioga, che no roba, che no gh’ ha donne, e che no dise mal dei paroni, andè subito subito a far i fatti vostri e no abbiè più ardir de metter pie né in casa, ne in bottega, e ringraziè el cielo che no ve fazza andar in galia.

Truffaldino. A mi sto tradimento? A un amigo della mia sorte?

Pantalone. Oh, che caro amigo! Ladro, baron, furbazzo.