Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/451

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Truffaldino. Deme la me chiave.

Pantalone. Te darò un (racco de legnae, se no ti va via.)

Truffaldino. La me costa un ducato.

Pantalone. Chi elo quel favro che te r ha fatta?

Truffaldino. L’era un galantomo, che le faceva per far servizio ai zoveni de bottega.

Pantalone. Voggio saver chi el xe. Dove stalo de bottega?

Truffaldino. Noi gh’ ha bottega, el negozia in casa.

Pantalone. Ma dove?

Truffaldino. All’altro mondo.

Pantalone. Xelo morto?

Truffaldino. Sior sì; a Napoli, per benemerito della so bella virtù, i gh’ ha fatto 1’onor de impiccarlo.

Pantalone. I te farà anca a ti lo stesso onor, se ti seguiterà sta vita.

Truffaldino. Per cossa?

Pantalone. Perchè ti è un ladro.

Truffaldino. Tutti i ladri se impiccheli?

Pantalone. Certo.

Truffaldino. Caro sior Pantalon, adesso che so sta cossa, no gh’ è dubbio che toga mai più niente a nissun. Me despiase d’averlo fatto e ve domando perdon. Ve ringrazio che m’ave fatto la carità de awisarme, e per gratitudine ve voi dar anca mi un avvertimento da amigo. Vardeve ben e penseghe ben, perchè se mi ho roba m mi patroni, anca vu ave inganna i marcanti che v’ ha fida la so roba, e credemelo, sior Pantalon, che anca a questo se ghe disc robar. (jiarte)

SCENA II.

Pantalone, poi Margone.

Pantalone. Tocco de desgrazià!... Ma! no so cossa dir. El m’ ha fatto vegnir i suori. Manco mal che no gh’ è nissun.

Marcone. Oh, signor Pantalone, la riverisco.

Pantalone. Compare Marcon, bona sera fìoria.

Marcone. Eccomi qui a ricevere le vostre grazie.