Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/452

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Pantalone. Solo sé vegnù? Perchè no menar qualchedun?

Marcone. Ho condotto una giovane, ma non 1’ ho fatta venir avanti, perchè non sapeva chi ci fosse.

Pantalone. Pela vegnir (i). No ghe xe gnancora nissun.

Marcone. Subito. (in atto dì partire)

Pantalone. Oe, disè, che roba xela?

Marcone. Una giovane bolognese; ma savia, onesta e civile.

Pantalone. Cossa serve? Co la xe con vu, me l’immagino. Pela vegnir avanti.

Marcone. Subito la faccio venire. Anzi vi prego di custodirla voi, fin tanto ch’io vado poco lontano per un piccolo interesse.

Pantalone. Volentiera. A mi me la podè consegnar. Savè che son galantomo, e pò xe passa el tempo che Berta filava.

Marcone. Basta, basta. Ritomo presto. (parte)

SCENA III.

Pantalone, poi Graziosa.

Pantalone. Me piase 1’allegria, la compagnia; da resto de donne no ghe ne penso.

Graziosa. Serva sua. (fa una rìvererìza sgarbata)

Pantalone. Patrona, la reverisso. Stala ben?

Graziosa. Gnor sì.

Pantalone. Vorla comodarse? Se vorla sentar?

Graziosa. Gnor no.

Pantalone. La xe bolognese ne vero?

Graziosa. Gnor sì.

Pantalone. Xela mai più stada a Venezia?

Graziosa. Gnor no.

Pantalone. Ghe piasela sta città?

Graziosa. Gnor sì.

Pantalone. Xela maridada?

Graziosa. Gnor no.

( I ) Savioii e Zatta: Fela vegnir avanti.