Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/508

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Momolo. N’ è vero(l)? Co mola (a), che la xe? E pur ghe vog- gio ben.

Rosaura. Come avete fatto a innamorarvi di quel sorbetto gelato? Voialtri Veneziani siete pure di buon gusto.

Momolo. Ve dirò: el babio (b) no xe brutto. E pò, no so gnente, un incontro de sangue.

Rosaura. E che cosa sperate ca quest’ amore?

Momolo. No so gnanca mi: qualcossa.

Rosaura. La volete per moglie?

Momolo. Fursi sì, fursi no.

Rosaura. Ah sì, vorreste, come dite voialtri, sticcarla (e), licar qualcossa, goder a macca (d): bravo, bravo, compare (e), me piasè (/).

Momolo. Ola (g): parie venezian?

Rosaura. Qualcossa. Ho pratica con dei Veneziani.

Momolo. Voleu che ve diga, che me de in tei genio?

Rosaura. Oh, oh, co mi no la stichè miga, vede. Son cortescina (/i) anca mi.

Momolo. Eh, me n’ ho intagià (/) alla prima. Vederessi Venezia volentiera?

Rosaura. Perchè no? Anderia anca mi volentiera a farme svo- gazzar (/) in gondoletta (m).

Momolo. Se volè vegnir con mi, se parona.

Rosaura. Bravo compare. Con vu, ah? Oe, credeu d’ esser sul liston (n) a invidar una mascheretta al caffè?

Momolo. Oh, che diavolo che ti xe! Non ho miga pratica la campagna.

Rosaura. Oe digo, faravio fortuna a Venezia? (a) Mola, patetica, (b) Babio, volto, parola burlesca, (e) Sticcarla, passar il tempo, (d) A macca, a uffo, senza spesa, (e) Compare, termine d’amicizia che si usa comunemente a Venezia. (/) Me piasè, mi piacete, cioè, vi lodo, (g) Ola, senza accento, vuol dire come! (A) Cortesana, esperta, (f) Me n’ ho intagià, me ne sono accorto. (/) Svogazzar, remigar con forza, (m) Gondoletta, barchetta deliziosa, (n) Liston, una parte laterale della gréin piazza, ove si fa il corso delle maschere. (I) Bettin.: ne vero?