Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/509

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Momolo. E in che maniera!

Rosaura. Hoggio aria da Veneziana? (passeggia)

Momolo. Vardè che vita! Vardè (’) che penin! Oh benedetta!

Rosaura. Oe, se volè che femo negozio...

Momolo. Comuodo (a)? Comande,

Rosaura. Eh sì, ma de mi no ve degnerè: dareste.,. Basta... Caro quel Momolo.

Momolo, Ah, v’ ho capio; se volè una scritturetta, ve la fazzo subito, Rosaura, Pettevela (b) la vostra scrittura; a mi me piase le cose preste, Momolo, E 1’impegno che gh’ ho colla siora Diana? Rosaura, Oh oh, mi vien da ridere. Uno scolare ha riguardo a mancar di parola!

Momolo. Sappiè che i Veneziani i xe galantomeni.

Rosaura. Sì, lo so benissimo, ma in queste cose i Veneziani ancora sogliono facilitare.

Momolo, Sentì: non saria gnanca fora de proposito.

Rosaura. Dirò come si suol dire a Venezia: Se me volè, feme domandar.

Momolo. Che cade (e)? Giustemose tra de nu. Rosaura, Cussi su do pie? Momolo, Siben: che difficoltà gh’aveu?

Rosaura. E pò?

Momolo, Dopo el Po, vien rAdese(£/), Rosaura, Me fareu el ballo dell’impianton (e)? Momolo, Son un galantomo. Rosaura, Tasè, che se i lo sa, i ve impicca. Momolo, Orsù cossa resolveu?

Rosaura. Voggio pensarghe un poco. (a) Comuodo? Come? (b) Pettevela, cacciatevela, ecc, termine di sprezzo. (e) Che cade? Che serve? (d) Dopo el Po vien l’Adese: dopo il Po l’Adige: due fiumi. Metafora, con cui si spiega che dopo una cosa vien l’altra, (e) Me fareu el ballo dell’impianton? Per metafora, m abbemdonerete. (I) Betrin.: vare.