Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/537

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



ATTO TERZO..


SCENA PRIMA.

Brighella, poi Ottavio.

Brighella. Mai più ghe credo. Sia maledette le so cabale (’) e el so poco giudizio. Povero el mio filippo (a), Y è pur andà mala- mente! Tolè, gnanca un numero no xe vegnìi fora de quei che ha messo quel matto del mio patron. Vardè qua: in tre firme un numero solo. Sia maledetto quando ho zogà: no voggio gnanca adosso ste firme; andè in malora, (getta le firme in terra) Ma velo qua: oh, co brutto ch’el xe!

Ottavio. Oh ignoranza! Oh ignoranza!

Brighella. Coss’ è, sior patron? L’avemo fatta bella. (a) Moneta dello Stato di Milano che vale dieci paoli all’inarca. (I) Neil’ed. Zlatta questo e manca. //