Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/565

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO SECONDO.

SCENA I (1)


Lelio. Deh madama, ponete al cimento Y affetto mio; ponete r oro della mia servitù nella coppella de’ vostri cenni, e ve- drete la purezza del mio metallo.

Beatrice. Oh signore, se vi ponessi nella coppella, temo che andereste in Rimo.

Lelio. Siete pure vezzosa nelle lepidezze!

Beatrice. Signor Lelio, volete che ci divertiamo?

Lelio. Dipendo da’ vostri arbitrar] voleri.

Beatrice. Volete che giochiamo alle carte?

Lelio. Per compiacervi, giocherei fra le spade la stessa vita.

Beatrice. (Era meglio ch’ei dicesse fra i bastoni la propria schiena). Eh là, Rosaura.

SCENA II (2).


Rosaura. Che comanda la mia Signora Padrona? oh con che bella compagnia la ritrovo! In vero non si può fare di più. Il Signor Lelio ha la beltà nel volto, la grazia negli occhi, r affabilità nel tratto, (e la pazzia nel cervello). (piano a beatrice

Beatrice. Brava, Rosaura, brava davvero.

Lelio. (Io sono confuso tra queste due incantatrici Sirene), (da sé

Rosaura. Guardate, Signora, che bella tabacchiera mi è stata data da ^vendere. Pare proprio quella che voi avete perduta.

Beatrice. E vero; vi è poca differenza, quanto ne vogliono?

Lelio. (Sono venuto in una cattiva occasione). (da sé

Rosaura. Ah sì, ora me ne ricordo. Ne vogliono sei zecchini. (I) Dalle edd. Bellin. e Paper. (2) C. s.