Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/575

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


E per questo? Ben io veggio
Che gli antichi facean peggio.
Par che il mondo reo sia fatto
Oggi sol de’ tristi amori;
Grida ognun che il mondo è matto
Pe’ novelli e folli ardori.
lo li ascolto, e me ne rido:
Regnò sempre il Dio Cupido.
Se una donna maritata
Guarda in volto un cavaliero,
Grida tosto la brigata:
Beir usanza da dovvero!
La qual cosa al tempo antico
Non stimavan ne anche un fico.
Spiritacci mal contenti
Di voi stessi, e non del mondo,
Nati solo fra i viventi
Per inutil tristo pondo,
Fra le odierne cose usate
O tacete, ower crepate.
Fine.

(Tutti lodano con evviva)

Rosaura. Signori miei, tutti egualmente hanno mostrato il loro spirito, ne veggo essersi segnalato sopra gli altri il signor Florindo. In fatto un sonetto non basta per decidere della virtù e del merito d’un uomo dotto. S’egli però si contenta, io gli darò campo di farsi onore.