Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/607

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL SERVITORE DI DUE PADRONI 549

SCENA VI.

Strada colla locanda di Brighella.

Truffaldino solo.

Son stuffo1 d’aspettar, che no posso più. Co sto me patron se magna poco, e quel poco el me lo fa suspirar. Mezzo zorno della città l’è sona che è mezz’ora, e el mezzo zomo delle mie budelle l’è sona che sarà do ore. Almanco savesse dove s’ha d’andar a alozar, I alter subit che i arriva in qualche città, la prima cossa i va all’osteria. Lu, sior no, el lassa i bauli in barca del corrier, el va a far visite e noi se recorda del povero servitor. Quand ch’i dis, bisogna servir i patroni con amor! Bisogna dir ai patroni, ch’i abbia un poco de carità per la servitù. Qua gh’è una locanda; quasi quasi anderia a veder se ghe fuss da devertir el dente; ma se el patron me cerca? So danno, che l’abbia un poco de discrezion. Vôi andar; ma adess che ghe penso, gh’è un altra piccola difficoltà, che no me l’arecordava; non ho2 gnanca un quattrin. Oh povero Truffaldin! Più tost che far el servitor, corpo del diavoi, me vôi metter a far... cossa mo? Per grazia del cielo, mi no so far gnente.

SCENA VII.


Florindo da viaggio con un Facchino col baule in spalla, e detto.


Facchino. Ghe digo che no posso più; el pesa che el mazza.

Florindo. Ecco qui un’insegna d’osteria o di locanda. Non puoi far questi quattro passi?

Facchino. Aiuto; va el baul3 in terra.

Florindo. L’ho detto che tu non saresti stato al caso4: sei troppo debole; non hai forza. (regge il baule sulle spalle del facchino)


  1. Così si legge in tutte le edd.
  2. Pasquali e Zatta: non gh’ho.
  3. Paparini e Bettinelli: el baul va.
  4. Bettinelli: in caso.