Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/610

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
552 ATTO PRIMO


Truffaldino. Son arrivà stamattina, signor.

Florindo. Orsù; mi parete un uomo da bene. Vi proverò.

Truffaldino. La me prova e la vederà.

Florindo. Prima d’ogni altra cosa, mi preme vedere se alla Posta vi siano lettere per me. Eccovi mezzo scudo; andate alla Posta di Torino, domandate se vi sono lettere di Florindo Aretusi; se ve ne sono, prendetele e portatele subito, che vi aspetto.

Truffaldino. Intanto la fazza parecchiar da disnar.

Florindo. Sì, bravo, farò preparare. (È faceto; non mi dispiace. A poco alla volta ne farò la prova). (entra nella locanda)

SCENA IX.

Truffaldino, poi Beatrice da uomo e Brighella.


Truffaldino. Un soldo al zomo de più, i è trenta soldi al mese; no l’è gnanca vero che quell’alter me daga un felippo; el me dà diese pauli. Poi esser che diese pauli i fazza un felippo,1 ma mi nol so de seguro. E po quel sior Turinese nol vedo più. L’è un matto. L’è un zovenotto, che no gh’ha barba e no gh’ha giudizio. Lassemolo andar; andemo alla Posta per sto sior... (vuol partire ed incontra Beatrice)

Beatrice. Bravissimo. Così mi aspetti? Truffaldino. Son qua, signor. V’aspetto ancora.

Beatrice. E perchè vieni a aspettarmi qui, e non nella strada dove ti ho detto? E un accidente che ti abbia ritrovato.

Truffaldino. Ho spasseggià un pochetto, perchè me passasse la fcune.

Beatrice. Orsù, va in questo momento alla barca del corriere. Fatti consegnare il mio baule e portalo alla locanda di messer Brighella...

Brighella. Eccola là la mia locanda; nol pol falar.

Beatrice. Bene dunque, sbrigati, che ti aspetto.

Truffaldino. (Diavolo! In quella locanda!) (da sè)
  1. Vedi nota (a), a pag. 481.