Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/638

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
580 ATTO SECONDO

son de bon gusto. Metterò via sta carta, e pò ... la metterò via dopo, no vôi perder tempo. Oe de là; gh’è nissun? Chiameme missier Brighella, diseghe che ghe vôi parlar, (verso la scena) Non consiste tanto un bel disnar in te le piatanze, ma in tel bon ordine; val più una bella disposizion, che no vai una montagna de piatti.

Brighella. Cossa gh’è, sior Truffaldin? Cossa comandeu da mi?

Truffaldino. E1 me padron el gh’ha un amigo a disnar con lu; el voi che radoppiè la tavola, ma presto, subito. Aveu el bisogno in cusina?

Brighella. Da mi gh’è sempre de tutto. In mezz’ora posso metter all’ordine qualsesia disnar.

Truffaldino. Ben donca. Disìme cossa che ghe darè.

Brighella. Per do persone, faremo do portade de quattro piatti l’una; anderà ben?

Truffaldino. (L’ha dito cinque o sie piatti: sie o otto, no gh’è mal). Anderà ben. Cossa ghe sarà in sti piatti?

Brighella. Nella prima portada ghe daremo la zuppa, la frittura, el lesso e un fracandò.

Truffaldino. Tre piatti li cognosso; el quarto no so cossa che el sia.

Brighella. Un piatto alla francese1, un intingolo, una bona vivanda.

Truffaldino. Benissimo, la prima portada va ben; alla segonda.

Brighella. La segonda ghe daremo l’arrosto, l’insalata, un pezzo de carne pastizzada e un bodin.

Truffaldino. Anca qua gh’è un piatto che no cognosso; coss'è sto budellin?

Brighella. Ho dito un bodin, un piatto all’inglese, una cossa bona.

Truffaldino. Ben, son contento; ma come disponeremio le vivande in tavola?

Brighella. L’è una cossa facile. El camerier farà lu.

Truffaldino. No, amigo, me preme la scalcarìa; tutto consiste in saver metter in tola ben.


  1. Paper. e Bettin.: franzese.