Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/640

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
582 ATTO SECONDO

Beatrice. Quella è la mia cambiale.

Truffaldino. La compatissa. La torneremo a unir . . .

Beatrice. Briccone! Così tieni conto delle cose mie? Di cose di tanta importanza? Tu meriteresti che io ti bastonassi. Che dite, signor Pantalone? Si può vedere una sciocchezza maggior di questa?

Pantalone. In verità che la xe da rider. Sarave mal se no ghe fusse caso de remediarghe; ma co mi ghe ne fazzo un’altra, la xe giustada.

Beatrice. Tant’era se la cambiale veniva di lontan paese. Ignorantaccio!

Truffaldino. Tutto el mal l’è vegnù, perchè Brighella no sa metter i piatti in tola.

Brighella. El trova difficoltà in tutto.

Truffaldino. Mi son un omo che sa . . .

Beatrice. Va via di qua. (a Truffaldino)

Truffaldino. Val più el bon ordine . . .

Beatrice. Va via, ti dico.

Truffaldino. In materia de scalcherìa no ghe la cedo al primo marescalco del mondo. (parte)

Brighella. No lo capisso quell’omo; qualche volta l’è furbo e qualche volta l’è alocco.

Beatrice. Lo fa lo sciocco, il briccone. Ebbene, ci darete voi da pranzo? (a Brighella)

Brighella. Se la voi cinque piatti per portada, ghe voi un poco de tempo.

Pantalone. Coss’è ste portade? Coss’è sti cinque piatti? Alla bona, alla bona. Quattro risi, un per de piatti, e schiavo. Mi no son omo da suggizion.

Beatrice. Sentite? . Regolatevi voi. (a Brighella)

Brighella. Benissimo; ma averia gusto, se qualcossa ghe piasesse, che la me lo disesse.

Pantalone. Se ghe fusse delle polpette per mi, che stago mal de denti, le magneria volentiera.

Beatrice. Sentite? Delle polpette. (a Brighella)