Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/510

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
500 ATTO TERZO


sorte de scavezzacoli. Me xe sta dito, ch’el xe vegnù qua. Ho domanda de sior Marchese. I m’ha dito che nol ghe xe, ma non ostante ho voleste vegnirme a sincerar. L’ho trovà sto desgrazià, sto furbazzo.

Pasqua. Sior Pantalon, cussi la parla de so fio?

Pantalone. Cara nena1, se savezzi co mal che l’ha butta, me compatiressi. Quanto che giera meggio che l’avessi sofegà in cuna.

Menego. Mo cossa gh’alo fatto?

Lelio. Niente, niente affatto.

Pantalone. Gnente ti ghe disi, volerme bastonar?

Lelio. Io non vi conosceva.

Pantalone. E andar tutt’el dì all’osteria a ziogar a la mora, a bever sempre con zente ordenaria, no ti ghe disi gnente?

Lelio. In questo avete ragione; ma io non ne posso far a meno.

Pantalone. Oh, ben. Co la xe cussi, parecchiete de andar lontan da to pare. Za ho parla col capitan d’una nave, che xe a la vela. Ti anderà in Levante; ti farà el mariner; cussi ti sarà contento.

Pasqua. (Oh povereto! No voria che ghe sucedesse sta cossa). (da sè)

Lelio. Io in Levante? Quanto siete buono!

Pantalone. Vu in Levante, sior sì; e se no gh’anderè per amor, gh’anderè per forza. Aspetto che vegna a casa sior Marchese per usarghe un atto de respetto, e pò, sior poco de bon, vederè cossa ve succederà.

Lelio. Eh, giuro al cielo, non so chi mi tenga... (minacciando Pantalone)

Menego. Alto, alto, fermeve. (si frappone)

Pantalone. Come! A to pare? Manazzi a to pare? Adesso. Presto. I zaffi i xe da basso; oe, dove seu? Mio fio me vol dar. (verso la porta)

Pasqua. (Povero mio fio, son causa mi de la so rovina), (da sè)

Menego. Mo via, la se quieta, che giusteremo tuto.

Pantalone. No gh’ho bisogno dei vostri consegi. Quando un

  1. Balia.