Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/511

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA PUTTA ONORATA 501


fio arriva a perder el respetto a so pare, nol merita compassion. Vogio che el vaga in preson.

Pasqua. Ah sior Pantalon, quieteve per carità.

Pantalone. No me stè a seccar.

Pasqua. Volè in preson vostro fio?

Pantalone. Sì ben, in t’un cameroto.

Pasqua. Mo nol gh’anderà miga, vede.

Pantalone. No! Per cossa?

Pasqua. (Cossa fazzio? Parlio, o no parlio? Se taso, el va in preson. Oh povereta mi! Bisogna butarla fuora). (da sè) Perchè nol xe vostro fio.

Pantalone. Noi xe mio fio? Oh magari! Come xela, nena, come xela?

Pasqua. Adesso che lo vedo in sto gran cimento, no posso più taser. Sapiè che mi ve l’ho barata 1 in cuna.

Pantalone. Mo de chi xelo fio?

Pasqua. De mi e de mio mario.

Menego. Piase? (a donna Pasqua)

Pasqua. Sì ben, caro vu, ho credeste de far ben. Ho fato acciochè el fusse ben arlevà; che no ghe mancasse el so bisogno; e che el deventasse un puto cossedièa.

Menego. Brava! Ave fato una bela cossa.

Pantalone. E del mio cossa ghe n’aveu fatto?

Pasqua. El xe Pasqualin, che crede d’esser mio fio.

Pantalone. Pasqualin? Sì ben. Ve credo. La sarà la verità. Pasqualin gh’ha massime civili e onorate, e costù gh’ha idee basse e ordenarie. Se cognosse in Pasqualin el mio sangue; in Lelio el sangue d’un servitor. Tegnive donca la vostra zoggia, e lasse che me vada a strucilarb el mio caro fio. A costù ghe perdono, perchè vedo che nol podeva operar diversamente da l’esser soo, e la natura no podeva sugerirghe gnente in mio favor. No ve domando mazor testimonianza del cambio;

  1. Come si dee. Di garbo.
  2. Ad abbracciare stretto e baciare.
  1. Sav. e Zatta: baratao.