Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/541

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA BUONA MOGLIE 531

Ottavio. E bene, cos’ha detto?

Brighella. Che nol ghe vol dar gnente.

Ottavio. E il fornaio che dice?

Brighella. Che se la ghe darà i so bezzi, el ghe manderà del pan.

Ottavio. E intanto un cavaliere par mio ha da morir dalla fame?

Brighella. Sta rason no i la vol sentir.

Ottavio. Bricconi, se metto loro le mani attorno, farò loro veder chi sono.

Brighella. Bastarave darghe qualcossa a conto, onzerghe la man, e far che i tirasse de longo.

Ottavio. Che dare? Che mi parli di dare? Lo sai pure che non ho un soldo. Quando ne ho, ne do, e quando non ne ho, non ne posso dare.

Brighella. E i botteghieri, co no la ghe n’ha, no i ghe ne vol dar.

Ottavio. Va là, digli che gli farò un pagherò a chi presenterà.

Brighella. Sior padron, no faremo niente.

Ottavio. Perchè non faremo gnente?

Brighella. Perchè i botteghieri no i vol carta, i vol bezzi.

Ottavio. Dimmi un poco, come se la passa Pasqualino? Mi pare che non stia più con suo padre.

Brighella. Sì, è verissimo. L’ha messo su casa da so posta, che sarà do mesi. So padre gh’ha dà mille ducati, acciò che el se inzegna, acciò che el negozia, ma credo che a st’ora el li abbia fatti saltar tutti.

Ottavio. Sì, mi è stato detto, che giuoca e spende alla generosa. Però mille ducati in due mesi non li averà consumati.

Brighella. Crederave de no anca mi.

Ottavio. Egli è un giovine di buon cuore. Se gli dimando un servizio, spero non me lo negherà.

Brighella. Vorlo domandarghe dei bezzi in prestio?

Ottavio. Sì; voglio vedere se vuol prestarmi otto, o dieci zecchini.

Brighella. L’è un bon putto; se el li averà, el ghe li darà.

Ottavio. Fa una cossa, procura di ritrovarlo, e digli che venga da me, che gli voglio parlare.

Brighella. La me perdona, lustrissimo. Voler un servizio da una