Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/597

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA BUONA MOGLIE 587

Pasqualino. Vegnì qua; andemo a la malvasia1.

Bettina. A la malvasia mi no ghe son mai stada, e no ghe vogio gnanca andar.

Pasqualino. Andemo dal scaletera.

Bettina. A cossa far dal scaleter? Quei vinti o trenta soldi che volè spender, no xe megio che i magnè a casa vostra co le vostre creature?

Pasqualino. Mi a casa no ghe vogio vegnir.

Bettina. Mo perchè no ghe voleu vegnir? Volè far sempre sta vita? No sè gnancora stufo de farme pianzer, de farme sgangolir?

Pasqualino. Cossa voleu che vegna a far a casa? Mi no gh’ho gnanca un bezzo.

Bettina. N’importa; vien a casa, fio mio, che fin che ghe xe roba, magneremo. Sior Pantalon xe tanto de bon cuor, ch’el ne agiuterà.

Pasqualino. Mio pare xe in colera; el me vorà castigar. No vogio che el me trova; a casa no ghe vogio vegnir.

Bettina. Mo vien sora de mi, no aver paura. Ti vederà che tuto se giusterà. Basta che ti sii bon; che ti tendi al sodo; che ti me vogi ben.

Pasqualino. Fegureve, che quando mio pare sa che gh’ho dei debiti, cossa ch’el dirà.

Bettina. Ti gh’ha dei debiti?

Pasqualino. Seguro che ghe n’ho.

Bettina. Assae.

Pasqualino. Trenta o quaranta ducati.

Bettina. Povereta mi! No voria che t’intra vegnisse qualche desgrazia. Fio, tiò, vissere mie, tiò sti manini, impegneli, vendeli, fa quel che ti vol e paga i to debiti. Vogio viver queta, no vogio altri afani de cuor. (si leva gli smanigli e li dà a Pasqualino)

  1. Ciambellaio.
  1. «Luogo o bottega» dove si vendeva la malvasia o greco, vino dell’Epiro: v. Boerio, l. c; Tassini, Curiosità venez., 416; Molmenti, Vita priv.. III, 251. Nel Settecento l’uso del caffè fece assai diminuire quello della malvasia.