Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
56 ATTO SECONDO

Tonino. Ho anca fatto. La senta se la burlo. «Flaminia. Fia mia. Dove seu? Dove diavolo ve cazzeu? Portème el panimbruo. Mio compare xelo vegnuo? Cossa xe stao? Mio fradelo Stefanelo dove diavolo xelo andao? Oimei, oimei, el mio cattaro. Son vecchio. Son cotecchio1. No posso più; o che cattaro becco cornù».

Rosaura. Certo che per una conversazione vale un tesoro.

Tonino. Se la vol che balemo, ghe farò vedar se so ballar.

Rosaura. Se ci fosse un violino.

Tonino. No la gh’ha nissun in casa, che sappia sonar el cimbano?

Rosaura. Non vi è in casa nè il gravicembalo, né la spinetta.

Tonino. No digo el caocimbano2, digo el cimbano che se sona alla veneziana; quel cosso tondo de carta bergamina co le campanelle, che se batte coi dei e colla palma della man, e che se canta:

               E nio, e nio, e nio.
               Putte care, coreve drio,
               Coreve drio fin domattina,
               Rosaura bella, ti xe la mia nina.

Rosaura. Sempre più bravo, sempre più spiritoso. Sa recitar, sa cantar, sa ballar, sa un poco di tutto.

Tonino. No la sa che son anca poeta?

Rosaura. Caspita! Poeta ancora?

Tonino. Vorla che ghe diga un sonetto?

Rosaura. Lo sentirò volentieri.

Tonino. Un ritratto in t’un sonetto. Pittor e poeta.

Rosaura. Ma di chi è il ritratto?

Tonino. Per dirghe la verità el xe un sonetto che xe sta fatto per far el ritratto de mia siora nona, ma el va giusto pulito anca per eia.

Rosaura. Io dunque somiglio a vostra nonna?

Tonino. Co la giera zovene, siora sì; tutta ela. La senta se el ghe piase.

  1. Vecchio cotecchio, molto vecchio.
  2. Zatta: caocimbalo. Nel Diz. del Boerio è detto caocembalo.