Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

111


no me ingannè, perchè, se i mi fioi perderà el tempo per causa vostra, sarè vu responsabile al cielo e a mi de la so ignoranza, e gh’averè l’obligo de restituir tutto quel pan che avere magna malamente in casa mia.

Ottavio. Io ho sempre fatto l’obbligo mio e lo farò ancora per l’avvenire. Del mio modo di vivere non vi potete dolere. Procuro d’insinuar loro delle buone massime, e se mi badassero, diventarebbero due figliuoli morigerati ed esemplarissimi.

Pantalone. Se no i fa el so debito, se no i ve obedisse, disemelo a mi. No siè con lori tanto severo. Fè che i ve varda con riverenza e no con timor. Quando el scolaro xe spaventà dal maestro, el lo considera come un nemigo; ma se el maestro el lo sa tor co le bone, el fa de tutto per incontrar el so genio, per contentarlo. Qualche volta bisogna anca farghe qualche regaietto, darghe qualche premio, accordarghe spasso, qualche onesto divertimento. In sta maniera i fioi i se innamora de la vertù, i la impara con genio, i studia con diletto; i maestri gh’ha onor, i pari consolazion, le famegie profitto, le città se arricchisse, e el mondo se popola de zente vertuosa e da ben.

Ottavio. V’accerto, signor Pantalone, che io m’affaticherò e suderò per tutti due i vostri figliuoli; ma quel Lelio è ostinato, altiero, intrattabile. All’incontro Florindo è docile, rispettoso, obbediente.

Pantalone. Mi son pare onorato de tutti do. i xe tutti do del mio sangue, e la premura che gh’ho per uno, la gh’ho per l’altro. Odio e aborrisso la bestialità de quei pari che, innamorai de un fio, poco i se ne cura de l’altro. Florindo xe più docile, Lelio xe più altiero. Ma col più docile stago più sostenuto, e col più altiero qualche volta butto più molesin1, perchè la docilità secondada poi deventar confidenza, e l’altierezza irritada pol deventar odio e disprezzo; cussì, contrapesando co i so temperamenti el mio contegno, spero redurli uguali a mi nel rispetto, come son mi ugual per lori in amor.

  1. Adopro maggior dolcezza. [nota originale]