Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/118

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
110

SCENA IV.
Ottavio e Pantalone.

Ottavio. Bravo, signor Pcintalone, viva, viva; siete veramente un padre prudente e saggio.

Pantalone. E1 xe andà via; semo soli e nissun ne sente. Sior Ottavio, con vostra bona grazia, vu se un cattivo maestro; e se no muerè sistema, in casa mia ghe starè più poco.

Ottavio. Come, signore, di che cosa vi potete lamentare con me?

Pantalone. Son stà un pezzeto da drio a quella portiera, e ho sentio con che bella grazia insegne le vostre lizion. Sentì, sior maestro caro, coi zoveni xe necessario qualche volta el rigor, ma fa più profitto la bona maniera, la pazienza, la carità. Se se vede che in tel scolaro ghe sia dell’ustinazion, e che nol fazza per no voler far, se doperà con discretezza el baston, ma se el defetto vien da l’ignoranza, dal poco spirito, da la poca abilità, bisogna agiutarlo, bisogna assisterlo con amor, confortarlo, animarlo, darghe coragio, e far ch’el se sfadiga, per acquistarse la grazia d’un amoroso maestro e no per el spavento d’un aguzzin.

Ottavio. Dite bene; sono dalla vostra. Ma quel Lelio mi fa perder la pazienza.

Pantalone. Se no savè aver pazienza, no fè la profession de maestro. Nualtri poveri pari fidemo le nostre creature in te le vostre man, e depende da la vostra educazion la bona o la cattiva riuscita dei nostri fioi. Con chi è più duro de mente, bisogna che usè più attenzion. Pur troppo ghe n’è de quelli che avendo più scolari, i se perde e i se impiega per chi ha più abilità de imparar, o per minorar la fadiga, o perchè l’onor che fa el scolaro al maestro, moltiplica i so profitti, e i lassa da una banda quei poverazzi, che per esser de manco spirito gh’averia bisogno de mazor assistenza. Per questo ho risolto de tior un maestro in casa, acciò el sia tutto impiegà per i mi do fioi, acciò che el ghe insegna con amor e con carità. Se no gh’avè pazienza, se no lo volè far, se no savè far, parleme schietto.