Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/117

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

109

Lelio. A voi, se non avrete creanza.

Ottavio. Ah indegno! Ah ribaldo!.... (scopre Pantalone) Avete inteso le belle espressioni del vostro signor figliuolo? Il calamaio nella testa mi vuol tirare. Questo è quello che si acquista a voler allevare con zelo e con attenzione la gioventù.

Lelio. Ma signor padre....

Pantalone. Zitto là, sior temerario. Questo xe el vostro maestro; gh’avè da portar respetto.

Lelio. Ma se...

Pantalone. Coss’è sto ma se? Cossa vorressi dir? El maestro xe una persona che se comprende in tel numero dei maggiori, e bisogna respettarlo e obbedirlo quanto el pare e la mare. Anzi el s’ha da obbedir in certe circostanze più dei genitori medesimi, perchè questi, o per troppo amor, o per qualche passion, i se puol ingannar; ma i maestri savi, dotti e prudenti, i opera unicamente per el ben e per el profitto dei scolari.

Lelio. Se tale fosse il signor Ottavio....

Pantalone. A vu no tocca a giudicarlo. Vostro pare ve l’ha destinà per maestro, e ciecamente l’avè da obbedir. A mi me tocca a cognosser se l’è omo capace da regolar i mi fioi; e vu, se avere ardir de parlar, ve castigherò in t’una maniera, che ve ne recorderè per tutto el tempo de vita vostra.

Lelio. Ma signor padre, lasciatemi dire la mia ragione, per carità.

Pantalone. No gh’è altre rason. Lu xe maestro, vu se scolaro. Mi son pare, vu sè fio. Mi comando, e lu comanda. Chi non obbedisce el pare, chi non obbedisce el maestro, xe un temerario, un discolo, un poco de bon.

Lelio. Dunque....

Pantalone. Andè via de qua.

Lelio. Ho da finire....

Pantalone. Andè via de qua, ve digo.

Lelio. Pazienza. (Gran disgrazia per un povero scolaro dover soffrire le stravaganze d’un cattivo maestro). (parte)