Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/121

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

113


che dopo la mia morte i mi fioi i abbia da contender per le pretension della eredità; e no vogio che i palazzisti1, profitandose de le so disunion, i fazza andar in fumo quel ch’ho acquista con tanti suori. Avanti de morir voi procurar de far el stato particolar dei mi fioi; vogio far mi quella division, che probabilmente sarà meritada da lori; e facendome mi giusto giudice e del so merito e de le so convenienze, ghe farò goder con pase e quiete quel tanto che la fortuna gh’ha destinà. Ma za che gh’ho tempo, vôi descorrerla un poco co sto servitor, che ho tolto sta mattina da niovo. Gran fatalità! Bisogna ogni quindese zorni muar la servitù. E per cossa? Per quella cara siora Beatrice. Ma! L’ho fatta mi la segonda minchionaria! M’ho tornà a maridar. M’ha parso un bon acquisto sedese mile ducati de dota, ma i me costa cari, perchè i ho scontai a forza de rosegamenti2 de cuor. Oe Brighella.

SCENA Vi.
Brighella e detto.

Brighella. Lustrissimo.

Pantalone. Zitto co sto Lustrissimo; no me stè a lustrar, che no vogio.

Brighella. La me perdona; son avezzo a parlar cussì, e me par de mancar al mio debito, se no lo fazzo.

Pantalone. Averè servio dei conti, dei marchesi, e per questo sarè avezzo a lustrar; mi son marcante, e no vogio titoli.

Brighella. Ho servido delle persone titolade, ma ho servido anca dei botteghieri, tra i quali un formagier e un dall’ogio.

Pantalone. E a questi ghe devi del Lustrissimo?

Brighella. Siguro. Particolarmente la festa, sempre Lustrissimi.

Pantalone. Mo questa la godo da galantomo. E lori se beveva el titolo senza difficoltà3?

  1. Causidici, che frequentavano per il loro ministero gli uffici di Giustizia in Palazzo Ducale: v. Boerio, appendice al Voc.
  2. Rodimenti. [nota originale]
  3. Toglievansi il titolo quietamente. [nota originale]