Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, III.djvu/141

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

133


ATTO SECONDO.
· · · · · · · · · · · · · · · · · · · ·
SCENA IV.
Beatrice e Pantalone.

Beatrice. Fermati, senti. Oh povera me! In che imbarazzo mi trovo. Amo questo mio figlio più di me stessa, e l’amore ch’io ho per lui mi fa chiudere gli occhi a tutto quello che può essere di pregiudizio a mio manto, alla mia casa, a me stessa. Ben venuto.

Pantalone. Bondì siona, fia. (con qualche astrazione)

Beatrice. Che avete? Mi sembrate alquanto turbato.

Pantalone. Gnente; son un poco stracco.

Beatrice. Volete sedere?

Pantalone. Sì ben, me senterò. No gh’è nissun che porta cariega?

Beatrice. Non v’è nessuno; ve la darò io.

Pantalone. Via, sieu benedetta.

Beatrice. (Bisogna prenderlo colle buone). (da sè, recando due sedie)

Pantalone. (Ancuo la xe de bona luna). (da sè, siede) Dove xe i putti?

Beatrice. Florindo studia. Lelio sa il cielo dove sarà.

Pantalone. Mo no i xe vegnui a casa insieme?

Beatrice. Oh pensate! Lelio ha piantato il maestro.

Pantalone. L’ha impianta el maestro? Ch’el vegna a casa, ch’el me sentirà.

Beatrice. Verrà a ora di pranzo; si metterà a tavola colla solita sua franchezza, e voi non gli direte nulla; e voi lo lascierete mangiare senza dirgli una parola.

Pantalone. A tola mi no crio. Se gh’ho qualcossa coi mi fioi, piuttosto li mando a magnar in camera, e cussì li mortifico senza criar. A tola no vôi musoni. A tola no vôi musoni1. Quello xe

  1. La ripetizione sta nel testo.